Ricerca avanzata
abbiamo trovato 0 risultati

Le tue ricerche

Scopri come vendere la tua “PRIMA CASA” e acquistarne un’altra senza perdere le agevolazioni fiscali

Postato da Salvi Immobiliare sas del Geom. Salvi Alessio e C.
| 0

vendere-e-comprare-casaIn questo articolo ho voluto chiarire definitivamente come devi comportarti nel caso in cui ti ritrovi a vendere la tua “prima casa” per riacquistarne un’altra successivamente.

Se hai già acquistato una casa, saprai già che è possibile acquistare la propria abitazione usufruendo di alcune agevolazioni fiscali dette “prima casa”.

Quindi per farti un esempio, è possibile possedere anche 10 abitazioni, ma solo una è possibile acquistarla come prima casa.

Detto questo però, è possibile usufruire di queste “agevolazioni prima casa” rispettando alcuni parametri, sia in fase di acquisto (residenza nello stesso comune, nessun’altra “prima casa, casa non di lusso, ecc…), ma anche in fase di vendita.

Se decidi di vendere la tua “prima casa” entro i 5 anni da quando l’hai acquistata, PER NON PERDERE LE AGEVOLAZIONI PRIMA CASA la norma dice che devi acquistarne un’altra entro l’anno da quando hai venduto quella acquistata in precedenza, altrimenti vai incontro all’integrazione dell’ imposta di registro (prima casa 2% sul valore catastale al posto del 9%) a cui si aggiunge una sanzione del 30% e gli interessi.

Inoltre, se avevi stipulato un mutuo per l’acquisto, la decadenza delle agevolazioni prima casa andrebbero a riguardare anche quello, con l’integrazione dell’imposta sostitutiva al 2% (al posto dello 0,25% per mutuo prima casa) e una sanzione del 30%.

In sostanza sarebbe davvero una bella batosta.

Inoltre fai molta attenzione alla plusvalenza sulla vendita entro i 5 anni, perchè se vendi ad un prezzo più alto rispetto all’acquisto, sulla differenza avrai una tassazione del 20%. In pratica se hai pagato la tua casa 100.000 euro e la rivendi a 120.000 euro entro 5 anni da quando l’avevi acquistata, sui 20.000 euro di guadagno dovrai pagare 4.000 di imposte.

La tassazione della plusvalenza NON ESISTE se la vendita avviene dopo i 5 anni da quando l’avevi acquistata.

POSSO COMPRARE DUE CASE CON LE AGEVOLAZIONI “PRIMA CASA”?

Per rilanciare e dare più vigore al mercato immobiliare, con la nuova legge di stabilità del 2016 è possibile comprare un’altra casa con le agevolazioni “prima casa” a patto di una CONDIZIONE FONDAMENTALE:

l’agevolazione vale anche nel caso in cui nel momento che vai ad acquistare tu sia proprietario di un’altra abitazione acquistata con le stesse agevolazioni A CONDIZIONE che la vendi entro 1 anno dalla data del successivo acquisto.

Fai molta attenzione però…

Questa operazione ti consiglio di farla solo dopo esserti consultato con un vero Specialista nella Vendita di Case che è in grado di individuare da subito il REALE VALORE DI MERCATO della tua casa da vendere per piazzarla rapidamente al giusto prezzo di mercato.

Tieni presente che se non vendi entro 1 anno la “prima casa” che avevi acquistato in precedenza, dovrai integrare il pagamento delle imposte sul tuo secondo acquisto con la tassazione per le seconde case, come abbiamo visto in precedenza.

Hai mai sentito parlare del credito di imposta?

Mi sto accorgendo che molte persone che vogliono vendere la propria casa acquistata mediante l’agevolazione fiscale detta “prima casa” e acquistarne successivamente un’altra entro un anno, hanno un credito d’imposta.

In parole semplici, il credito d’imposta che ti spetta è uguale all’importo che hai pagato come imposta di registro o di IVA per il primo acquisto, che ti verrà tenuto buono entro i limiti dell’importo dell’imposta di registro o dell’IVA che dovrai pagare per il secondo acquisto.

Ti riporto un esempio molto pratico per farti capire meglio.

Facciamo finta che tu abbia acquistato nel mese di agosto 2012 la “prima casa” pagando 950 euro per imposta di registro; e nel giugno 2014  tu abbia poi venduto questa casa, comprando un’altra “prima casa” nel gennaio 2015 con un atto che ti è costato 1400 euro di imposta di registro.

In questo caso, avresti dovuto pagare di imposta di registro 450 euro, in quanto 950 euro di credito d’imposta sono stati portati in compensazione sul secondo acquisto.

Ammettiamo invece il caso contrario, in cui per il primo acquisto tu abbia versato 1400 euro di imposta di registro e per quello successivo 950 euro.

In questa situazione per il secondo acquisto l’imposta di registro sarebbe già stata rimborsata dal credito d’imposta, mentre i restanti 450 euro del credito di imposta potranno essere portati in detrazione facendoli presenti nella dichiarazione dei redditi che farai successivamente all’acquisto.

Il credito d’imposta lo si ha solo sulla “prima casa”che vai a vendere anche dopo 10 anni, la cosa fondamentale è che riacquisti un’altra “prima casa” entro 1 anno da quando hai venduto.

Queste sono delle nozioni prettamente di natura fiscale ma che un agente immobiliare serio e scrupoloso deve farti presente ancora prima di farti mettere in vendita la tua casa per evitarti spiacevoli sorprese in seguito e pianificare al meglio l’acquisto successivo.

Per noi e i nostri agenti è uno standard lavorare in questo modo, in quanto per noi la vendita di case è all’ordine del giorno.

Se NON vuoi ritrovarti a vendere casa con agenti immobiliari improvvisati e incompetenti, ma desideri affidarti a degli Specialisti nella Vendita di Case, sentiti libero di chiamarmi senza nessun impegno al numero 393.7464374 per vedere se possiamo aiutare anche te!

Come sempre ti auguro una buona vendita!

Alessio Salvi

PS: Se desideri conoscere il sistema per individuare da subito il REALE VALORE DI MERCATO DELLA TUA CASA DA VENDERE, clicca il link qui sotto: https://www.salvi-immobiliare.it/i-6-step-per-una-valutazione-specifica-di-mercato/

PPS: Se vuoi raccontare la tua esperienza in merito alla vendita della tua casa o hai delle domande da farmi, ti invito a lasciare un commento qui sotto e ti risponderò il prima possibile.

Facebook Comment

Rispondi

x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.